In una procedura di valutazione comparativa per la copertura di un posto a ricercatore, sussiste incompatibilità laddove il candidato sia uno stabile e assiduo collaboratore di un membro della commissione esaminatrice


Con la sentenza del 19 marzo 2018, n. 158,  il Consiglio di Giustizia Amministrativa Regione Siciliana ha affermato che è  incompatibile con il ruolo di commissario d’esame il docente, chiamato ad esprimere una valutazione comparativa di candidati, uno dei quali sia un suo stabile e assiduo collaboratore, anche soltanto nell’attività accademica o pubblicistica.

Leggi il testo completo: Consiglio di Giustizia Amministrativa Regione Siciliana, 19 marzo 2018, n. 158