Professore universitario-Status giuridico-Regime tempo pieno-Incarichi extraistituzionali-Accertamento obbligo versamento compensi percepiti-Riparto di giurisdizione


Con la sentenza del 5 giugno 2017, n. 191, il TAR Emilia Romagna, Parma, Sez. I, ha chiarito che, con riferimento allo status giuridico dei professori,  il dovere di rispettare la regola per cui – tra gli incarichi non vietati – gli incarichi extraistituzionali consentiti al dipendente (rispetto ai quali quest’ultimo è legittimato a trattenere le relative remunerazioni) sono solo quelli o previamente autorizzati dall’Amministrazione datoriale o quelli dalla stessa direttamente conferiti, costituisce interpolativamente (giacchè introdotto per legge) null’altro che uno dei diversi doveri del dipendente che rientrano nel fascio dei suoi obblighi dovuti per effetto del rapporto lavorativo dipendente.

Il giudice di prime cure ha, poi, chiarito che il provvedimento di accertamento dei presupposti dell’obbligo di versamento dei compensi percepiti dal dipendente pubblico rientra nella giurisdizione amministrativa ex artt. 3 e 63, comma 4, della d.lgs. 30 marzo 2001, stante il regime pubblicistico del rapporto di impiego in questione; la giurisdizione contabile subentra, infatti, nella fase successiva del procedimento, quando, accertato il credito della p.a., il debitore non abbia provveduto a soddisfarlo.

Leggi il testo completo: TAR Emilia Romagna, Parma, Sez. I, 5 giugno 2017, n. 191