Procedura concorsuale Professore Ordinario-Incompatibilità-Candidato membro del collegio accademico-Insussistenza


Con la sentenza del 2 febbraio 2018, n. 186, il TAR Toscana, Firenze, Sez. I, ha chiarito che, in materia di valutazione comparativa per la copertura di posto a professore ordinario, non incorre nel divieto di partecipazione di cui all’art. 18 co. 1,lett. b, della legge 30 dicembre 2010, n. 240,  il candidato che sia stato componente del collegio accademico.
In particolare, come noto, la giurisprudenza amministrativa ha esteso il divieto di partecipazione di cui all’art. 18, co. 1, lett. b), della legge n. 240/2010 al caso del rapporto di coniugio, non espressamente previsto dalla disposizione, la quale menziona i soli “rapporti di parentela o di affinità, fino al quarto grado compreso”. Sul punto, si è, infatti, osservato che l’elemento giustificativo dell’incompatibilità sancita dalla legge, ovvero la familiarità derivante dal rapporto di parentela o affinità tra uno dei candidati e i componenti degli organi dell’ateneo, tale da affievolire il principio di uguaglianza e la par condicio dei candidati stessi, raggiunge la massima intensità proprio nel caso del coniuge, di modo che sarebbe irragionevole, anche in relazione al principio di imparzialità dell’azione amministrativa, non reputare che la norma includa il caso del coniugio come situazione genetica della medesima incompatibilità, a maggior ragione se si considera che quest’ultima può derivare dall’affinità, vale a dire dal rapporto con i parenti del coniuge (cfr. Cons. Stato, Sez. VI, 4 marzo 2013, n. 1270).
Tuttavia, tale principio non può estendersi anche alle ipotesi in cui,  come nel caso di specie, alla procedura di chiamata intenda concorrere non il parente, l’affine o il coniuge di un professore appartenente al dipartimento o alla struttura che effettua la chiamata, ovvero con il rettore, il direttore generale o un componente del consiglio di amministrazione dell’ateneo, ma, in prima persona, un docente già membro degli organi deliberativi interessati.