Il TAR Lazio riafferma la propria giurisdizione in ordine ai provvedimenti della Pontificia Università Lateranense (P.U.L.)


Con sentenza n. 12361 del 23 novembre 2020, emanata ai sensi dell’art. 60 c.p.a., il TAR Lazio ha affermato la propria giurisdizione a decidere in ordine ai provvedimenti della Pontificia Università Lateranense (P.U.L.), relativamente all’insegnamento universitario, trattandosi di ipotesi riconducibili al disposto dell’art. 16 L. 20/05/1985, n. 222, ove si dispone che “Agli effetti delle leggi civili si considerano … b) attività diverse da quelle di religione o di culto quelle di assistenza e beneficienza, istruzione, educazione e cultura e, in ogni caso, le attività commerciali o a scopo di lucro”.
Ciò anche alla luce di un consolidato orientamento delle Sezioni Unite (ex multis, Cass. civ., SS.UU., Ord., 18/09/2017, n. 21541) che, sullo specifico punto, avevano già statuito che “La Pontificia Università Lateranense rientra tra gli istituti ecclesiastici di educazione ed istruzione e, come tale, non è un soggetto sovrano internazionale (o un suo organo), né è annoverabile tra gli «enti centrali della Chiesa cattolica», esentati da ogni ingerenza da parte dello Stato italiano, ai sensi dell’art. 11 del Trattato lateranense del 11 febbraio 1929” (Cass. civ., SS.UU., Ord., 18/09/2017, n. 21541).
Analogamente, si deve ritenere che l’immunità garantita dall’art.11 del Trattato lateranense non sia invocabile, stante la non annoverabilità tra gli “enti centrali della Chiesa Cattolica” esentati da ogni ingerenza da parte dello Stato italiano”, come già stabilito anche con riferimento alla Pontificia Università Gregoriana” (Cass. civ., SS.UU., Ord., 19/01/2007, n. 1133)”.

Leggi il testo completo: TAR Lazio, Roma, Sez. III, 23 novembre 2020, n. 12361