#1277 TAR Sicilia, Catania, Sez. III, 8 gennaio 2015, n. 10

Diniego del riconoscimento del triennio 2011-2013 ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio

Data Documento: 2015-01-08
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Non sembra configurabile alcun contrasto dell’art. 9, comma 21, D.L. 31 maggio 2010, n. 78 con il principio di non discriminazione di cui alla direttiva 2000/78/CE, tenuto conto del carattere temporaneo dei sacrifici imposti al personale docente rispondente a finalità di contenimento della spesa pubblica, che operano riguardo a tutto il comparto del pubblico impiego, in una dimensione solidaristica – sia pure con le differenziazioni rese necessarie dai diversi statuti professionali delle categorie che vi appartengono – e per un periodo di tempo limitato, che comprende più anni in considerazione della programmazione pluriennale delle politiche di bilancio.

Contenuto sentenza
N. 00010/2015 REG.PROV.COLL.
N. 02948/2011 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia
sezione staccata di Catania (Sezione Terza)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 2948 del 2011, proposto da: 
Fiammetta Conforto, Anna Notti, Melchiorre Francesco Parisi, Dario Drommi, Giovanni Grassi, Agatino Casale, Patrizia Primerano, Francesco Risitano, Maria Francesca Milazzo, David George Lister, Francesco Arena, Giuseppe Bruno, Giuseppe Gattuso, Giuseppe Tresoldi, Francesco Nicolò, Fausto Puntoriero, Maria Letizia Di Pietro, Massimiliano Cordaro, Sebastiano Campagna, Scolastica Serroni, Antonino Giannetto, Ugo Leuzzi, Anna Barattucci, Paola Bonaccorsi, Maria De Francesco, Emilio De Domenico, Giovanni Anello, Rosanna Maccari, Alberto Calatroni, Adriana Ferlazzo, Stella Mangiapane, Domenico Trischitta, Roberto Guarnieri, Giovanni Brandimonte, Adriana Trozzi, Alessandra Trozzi, Antonino Recupero, Simonetta Micale, Luciano Catalioto, Giuseppe Avena, Fortunato Freni, Maurizio Lisciandra, Maria Catena Ausilia Quattropani, Roberto Romeo, Giovanni Romeo, Enza Maria Galati, Giovanni Baviera, Dario Bruneo, Dino Costa, Filomena Maria Smorto, Enza Rita Colicchi, Mario Bologneri, Bruno Ricca, Marta Tigano, Valentina Sestini, Grazia Vera Spagnolo, Romana Gargano, Eugenio Guglielmino, Giuseppe Caridi, Paola Di Mauro, Donatella Siviero, Francesco Mallamace, Gioacchino Francesco La Torre, Giorgio Forni, Giuseppe Lipari, Sergio Alagna, Lorenza Campagna, Giuseppe Bisignano, Antonella Terranova, Pier Luca Marzo, Carmela Caruso, Pietro Giuseppe Colosi, Caterina Malta, Anthony Baldry, Giuseppe Fontanelli, Luigi D'Andrea, Daniela Baglieri, Lorenzo Casini, Caterina Ingoglia, Domenico Forino, Alfonsa Pizzo, Antonietta Cammarota, Giuseppina Lagana', Ersilia Bellocco, Fabio Mostaccio, Milena Meo, Vittoria Berlingò, Rosa Albanesi, Filippo Cammaroto, Nicola Donato, Rosa Santoro, Maria Luisa Garcia Rodrigo, Teresa Intrieri, Rosa Maria Lentini, Domenico Gazzara, Rosa Anna La Rosa, Roberto Caratozzolo, Brunella Russo, Giuseppe Restuccia, Sergio Piraro, Maria Gabriella Adamo, Domenico Scarfi', Giuseppe Barbera Cardillo, Pina Furnari, Francesco Ciraolo, Marina Bortoletti, Gaetano Bosurgi, Calogero Renato Barnà, Valerio Fabiano, Sergio Alagna, Grazia Ortoleva, Cosimo Baviera, Angela Rita Mauceri, Loredana Ferluga, Vincenzo Parrino, Maria Maesano, Ernesto Cascone, Antonino D'Andrea, Massimo Di Gangi, Anna Maria Monforte, Giuseppe Magaudda, Rosanna Utano, Giuseppe Bruschetta, Alessandro Cusma Piccione, Rosaria Lauria', Salvatore Serrano, Elena Santagati, Antonio Piccolo, Vincenza Sofo, Carmela Arena, Carmela Arena, Letteria Minutoli, Antonio Testa, Antonella Arena, Oscar Ferraù, Domenico Trombetta, Antonio Tomaino, Elisabetta Giudice, Giuseppe Piccione, Emilia Ciriaco, Anna Assenza, Francesco Fazio, Elena Caliri, Antonio Mangano, Sebastiano Zumbo, Daniela Caccamo, Paola Cardiano, Salvatore Loprevite, Antonina Saija, Giuseppina Mandalari, Andreana Marino, Antonia Nostro, Angela Di Pietro, Maddalena Bonansinga, Patrizia Rogolino, Patrizia Accordino, Alba Chimirri, Mariateresa Cristani, Laura Da Luca, Massimo Mucciardi, Valentina Venuti, Michela Pugliese, Antonio Pugliese, Giovanni Busetta, Luigi Scolaro Monsù, Jose Carluccio Gambino, Antonia Calderone, Elvira Barbera, Antonia Chinni', Ugo Muglia, Carmelo Migliardo, Antonio Teramo, Domenica Termini, Marcantonio Caltabiano, Rosa Romano, Vincenzo Benedetto, Alfredo Blandino, Alba Migliorato, Ester Tellone, Silvana Ficarra, Matteo Cusumano, Franz Henrich Kohnke, Giuseppe Cimino, Francesco Cimino, Carmelo Biondo, Elena Bianca Adamo, Natalizia Miceli, Angelina Midiri, Giuseppe Mancuso, Gianpietro Malescio, Salvatore Patanè, Roberto Raciti, Michela D'Angelo, Paolo Canciglia, Giacomo Zaccone, Paola Colace, Giovanni Lo Faro, Natale Manganaro, Carmela Currò, Antoinette Tripodi, Roberto Amato, William Fenton, Gianluca Miglino, Angelo Sindoni, Paola Ricci Sindoni, Maria Grazia Sindoni, Maria Vita Cambria, Giovanna Coppola, Giuseppa Sorrenti, Annamaria Passaseo, Rosario Battaglia, Carmela La Macchia, Herbert Ryan Marini, Francesco Abbate, Migliardo Carlo, Vincenzo Crupi, Antonietta Chiantia, Andrea Romeo, Antonio Rapisarda, Maria Paola Germanò, Patrizia Lo Cascio, Sonia Gambino, Giuseppe Ucciardello, Giuseppe Andò, Angela La Spina, Giovanna Lucrezia Costa, Claudia Dina Interlandi, Emanuele Millemaci, Alessandro Zumbo, Fabio Todesco, Giuseppe Rando, Giorgio Ascenti, Enrico Rotondo, Rosa Basile, Giuseppe Magazzù, Roberta Galbo, Mario De Salvo, Filippo Grasso, Alessandro Giuffrida, Antonio Panebianco, Giuseppe Irrera, Angela Frisone, Giovanna D'Angelo, Cesare Magazzù, Augusto D'Amico, Marilena Crupi, Orazio Pellegrino, Maria Tommasini, Tindara Abbate, Anna Maria Citrigno, Matteo Lanzafame, Maria Teresa Monforte, Luigi Hyerace, Roberto Cobianchi, Laura Cavazzini, Sebastiano Ciminio, Paolo Denti, Annamaria Curatola, Armando Curatola, Francesco Paolo Tocco, Alessandra Tommasini, Antonino Astone, Santo Lanza, Ulderico Wanderlingh, Fabio Rossi, Giuseppe Tito Aronica, Pietro Colajanni, Maria Foti, Alessandra Jannelli, Francesco Pizzimenti, Antonio Romano, Antonio Saitta, Antonio Galtieri, Giuseppe Acri, Giuseppe Vermiglio, Antonino Zumbo, Anna Maria Urso, Massimo Laganà, Michelangelo Savino, Gabriella Gaglio, Alessandro Pistone, Daniela Iannazzo, Silvana Grasso, Riccardo Ientile, Isa Anna Maria Piperno, Maria Cutroni, Anna Maria Visco, Francesco Aqueci, Francesco Casaceli, Giacomo D'Amico, Aleksandra Parysiewicz, Giacomo Pace, Stefano Ruggeri, Carmela Russo, Carla Cambria, Domenico Fusco, Pietro Ruggeri, Anna Piperno, Stefania Taviano, Antonino Trifirò, Andrea Vadalà, Salvatore Fasulo, Giuliana Gregorio, Angela Alibrandi, Agata Zirilli, Carmine Ciofi, Maria Beatrice Vastola, Giovanni Cupaiuolo, Maria Francesca Davì, Carmelo Crisafulli, Graziella Scandurra, Dorotea Naitza, Bruno Azzerboni, Anna Maria Prestianni, Francesco Salvo, Cesare Lorenzini, Lucia Abbate, Gaspare Tripodo, Marina Bortoletti, Renato Corona, Antonino Laganà, Giuseppe Campobello, Marco Lucio Scarpa, Massimo Villari, Maria Zappalà, Silvestro Martella, Annamaria Passantino, Ignazio Salamone, Eva Germanò, Maria Luisa Calabrò, Nicola Micale, Silvana Tommasini, Luisa Carini, Carlo Donà, Alida Ferlazzo, Bernadette Pace, Francesca Pia Pergolizzi, Gaetana Restuccia, Liliana Restuccia, Ottavia Giuffrè, Claudia Foti, Stefano Cavallaro, Francesca Garescì, Maria Giulia Tripepi, Beatrice Di Bella, Vincenza De Filippis, Francesco Macrì, Cesare De Gregorio, Rosaria Ottanà, Lucrezia Lorenzini, Biana Maria Orlandella, Angelina De Sarro, Renato Palmieri, Michele Panzera, Margherita Calò, Filippo Spadola, Pietro Saitta, Andrea Buccisano, Mauro Federico, Gabriele Marino, Antonio Puliafito, Giuseppe Carini, Giuseppe Montalbano, Caterina Branca, Esterina Fazio, Pietro Medica, Giovanni Lanteri, Roberta Somma, Tommaso Mandolfino, Grazia Pennisi, Maria Grazia Pennisi, Maria Teresa Fera, Giovanni Biondi, Tatiana Ostakhova, Corradina Polto, Edoardo Fausto Fugali, Francesco Crea, Francesco Oliveri, Rosalia Silvestri, Andrea Mandanici, Demetrio Maria Milea, Demetrio Consolato Neri, Antonella Cotroneo, Luciana Caminiti, Carmela Rugolo, Alessandra Sfacteria, Irene Polito, Maria Letteria Quattrocchi, Antonino Baglio, Alessio Plebe, Sandra Lo Schiavo, Francesco Squadrito, Domenica Altavilla, Concetta De Stefano, Silvio Sammartano, Francesco Rende, Giuseppe Alibrandi, Eugenio Fazio, Rosanna Stancanelli, Cinzia Anna Ventura, Salvatore Bottari, Fortunata Latella, Patrizia Torricelli, Marianna Giuffrida, Elvira Assenza, Rosalia Cavalieri, Karin Bagnato, Alessandro Versace, Alina Caddemi, Pietro Emanuele, Carla Faraci, Leonarda Vaiata, Santi Lo Giudice, Vincenzo Cicero, Chiara Borsellino, Giorgetta Basilico, Maria Concetta Abramo, Angela Mellina, Elena Maria Giovanna Di Blasi, Flavia Giuseppa Tricomi, Agatina Stefania Scarcella, Maria Speciale, Adele Marno, Santi Fedele, Luigi Ciraolo, Alessandro Provetti, Francesca Pellegrino, Francesco Ciraolo, Francesco Lanuzza, Umberto Giorgianni, Biagina Chiofalo, rappresentati e difesi dagli avv. Antonio Saitta, Fabio Saitta e Gabriele Strano, con domicilio eletto presso la Segreteria del TAR Catania, in via Milano 42/a; 
contro
Presidenza del Consiglio dei Ministri, in persona del legale rappresentante pro tempore, Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, in persona del legale rappresentante pro tempore, Ministero dell'Economia e delle Finanze, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentati e difesi dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Catania, domiciliataria ex lege in via Vecchia Ognina, 149;
Università degli Studi di Messina, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall’avv. Giuseppe Saitta, elettivamente domiciliato presso Lucia Tilotta in Catania, via G.Leopardi 103; 
e con l'intervento di
ad adiuvandum: 
Silvana Vannucci e Alessandro De Angelis rappresentati e difesi dagli avv. Fabio Saitta, Antonio Saitta e Gabriele Strano, con domicilio eletto presso la Segreteria del TAR Catania, in via Milano 42/a; 
per l’accertamento
del diritto al trattamento retributivo e previdenziale dovuto senza tener conto delle decurtazioni di cui all’art. 9, comma 21, D.L. 31 marzo 2010 , n. 78, convertito con modificazione in legge 30 luglio 2010 n. 122 e, per la condanna dell’amministrazione intimata al pagamento delle somme corrispondenti con interessi e rivalutazione monetaria.
Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, del Ministero dell'Economia e delle Finanze e dell’Università degli Studi di Messina;
Viste le memorie difensive;
Preso atto della rinunzia al mandato manifestata dal Prof. Antonino Saitta;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 22 ottobre 2014 la dott.ssa Agnese Anna Barone e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.
FATTO e DIRITTO
I ricorrenti, professori e ricercatori in servizio presso l’Università degli Studi di Messina, si dolgono degli effetti negativi sui meccanismi di adeguamento e miglioramento retributivo conseguenti all’applicazione dell’art. 9, comma 21°, del d.l. 31 marzo 2010 n. 78, come convertito in l. 30 luglio 2010 n. 122 che stabilisce che i relativi “meccanismi di adeguamento retributivo”, come previsti dall'articolo 24 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, “non si applicano per gli anni 2011, 2012 e 2013 ancorché a titolo di acconto, e non danno comunque luogo a successivi recuperi”; che per le medesime categorie di personale “che fruiscono di un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, gli anni 2011, 2012 e 2013 non sono utili ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio previsti dai rispettivi ordinamenti”, e che “le progressioni di carriera comunque denominate eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici”.
I ricorrenti ritengono che il blocco, per il triennio 2011 - 2013 e senza possibilità di successivi recuperi a) dei meccanismi di adeguamento retributivo previsti dall'articolo 24 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 (cd adeguamento ISTAT); b) degli automatismi stipendiali (classi e scatti) correlati all’anzianità di servizio e c) di ogni effetto economico delle “progressioni di carriera”, comunque denominate, conseguite nel triennio 2011 – presenti vizi di costituzionalità ed incompatibilità con il sistema normativo europeo e chiedono, pertanto, che - previa rimessione alla Corte Costituzionale della questione di costituzionalità del vigente impianto normativo e previa disapplicazione della normativa nazionale contrastante con la direttiva n. 2000/78/CE riguardante la parità di trattamento in materia di occupazione di condizioni di lavoro - sia accertato il loro diritto alla percezione della retribuzione integrale e alla rispettiva ricostruzione della posizione previdenziale.
In particolare i ricorrenti sostengono che il blocco dei meccanismi di adeguamento automatico della retribuzione al tasso d’inflazione (art. 9, comma 21, primo periodo, D.L. 78/20101 ) contrasti:
1) con il principio di non discriminazione di cui alla direttiva n. 2000/78/CE e con il principio di eguaglianza di cui all’articolo 3, comma I, della Costituzione, tenuto anche conto che la predetta misura di contenimento della spesa pubblico risulta indirizzata esclusivamente nei confronti di alcuni settori del pubblico impiego e non a tutti i pubblici dipendenti;
2) con i principi costituzionali di adeguatezza e proporzionalità della retribuzione di cui all’articolo 36 della Costituzione.
Quanto al blocco degli automatismi delle classi stipendiali i ricorrenti (art. 9, comma 21, secondo periodo del D.L. 78/2010), i ricorrenti rilevano:
1) la violazione dei principi di uguaglianza e di non discriminazione, anche ragione in degli ulteriori effetti distorsivi creati dalla maggiore anzianità di servizio (ove il grado d’incidenza delle misure in contestazione é minore) e quindi dell’ulteriore disparità di trattamento all’interno della medesima categoria dei docenti universitari;
2) l’illegittimità costituzionale della disposizione per mancanza dei presupposti di necessità ed urgenza di cui all’art 77 della Costituzione;
3) la violazione dei principi di generalità e progressività delle imposte di cui all’art. 53 della Costituzione;
4) la violazione dei principi di adeguatezza e proporzionalità della retribuzione di cui all’art. 36 della Costituzione.
Infine, con riferimento al blocco degli effetti economici della progressione di carriera (art 9, comma 21 del D.L. 78/2010) e quindi della sostanziale sterilizzazione degli effetti economici della cd. “conferma il ruolo, ” i ricorrenti ne contestano la compatibilità comunitaria e costituzionale, sotto il profilo della violazione del principio di non discriminazione, di uguaglianza e di ragionevolezza, di adeguatezza e proporzionalità della retribuzione e contestano la sussistenza dei presupposti per la decretazione d’urgenza.
Si sono costituiti in giudizio, per resistere al ricorso, l’Università degli Studi di Messina e l’Avvocatura Distrettuale dello Stato per le amministrazioni centrali intimate.
Sono, inoltre, intervenuti ad adiuvandum la Prof.ssa Vannucci e il P Prof. E Angelis, i quali hanno formulato le medesime richieste dei ricorrenti principali.
Il Collegio rileva preliminarmente che nelle more della decisione del ricorso è stata pubblicata la sentenza n. 310 del 17 dicembre 2013, con la quale la Corte Costituzionale, dopo aver riepilogato il quadro normativo di riferimento concernente la progressione giuridica ed economica dei docenti universitari, ha sottoposto al vaglio di legittimità costituzionale l'art. 9, comma 21, primo, secondo e terzo periodo, del d.l. n. 78 del 2010, anche alla luce “dell'evoluzione che è intervenuta nel complessivo quadro, giuridico - economico, nazionale ed europeo” e ha tassativamente escluso la fondatezza delle questioni di legittimità sollevate con riferimento ai parametri costituzionali degli artt. 3, 36, 53 e 77 Cost., identiche a quelle invocate dagli odierni ricorrenti.
Il Collegio ritiene pertanto, che i pur apprezzabili rilievi di ordine costituzionale manifestati da parte ricorrente risultino ormai sostanzialmente definiti, nel senso della manifesta inammissibilità e della non fondatezza, dalla decisione della Corte Costituzionale n. 310/2013 sopra citata e dalla successiva ordinanza n. 113 del 5 maggio 2014, alle cui motivazioni si rinvia integralmente, nel rispetto del principio di sinteticità di cui all’art. 3, comma 2°, del c.p.a.
Non sembra, infine, configurabile alcun contrasto dell’art. 9, comma 21°, del D.L. 78/2010 con il principio di non discriminazione di cui alla direttiva 2000/78/CE, tenuto conto del carattere temporaneo dei sacrifici imposti al personale docente rispondente, peraltro, a “finalità di contenimento della spesa pubblica”, che operano riguardo “a tutto il comparto del pubblico impiego, in una dimensione solidaristica - sia pure con le differenziazioni rese necessarie dai diversi statuti professionali delle categorie che vi appartengono - e per un periodo di tempo limitato, che comprende più anni in considerazione della programmazione pluriennale delle politiche di bilancio (…)”(in tal senso Corte Costituzionale n. 310/2013 cit.).
Peraltro, come fondatamente dedotto dalla resistente Università di Messina, con memoria depositata il 24.07.2014:
- successive modifiche legislative hanno esteso a tutto il settore del lavoro pubblico le norme denunciate in ricorso (v. L. n. 147/2013 art. 1, comma 471) sicché non sussiste alcuna significativa discriminazione tra i vari settori del pubblico impiego;
- i requisiti di urgenza del D.L. 78/2010 sarebbero palesi in relazione alla manovra economico-finanziaria necessitata e comunque non orami valgono gli effetti sananti della sopravvenuta legge di n. 122/2010 di conversione del D.L. cit. (sulla natura e sugli effetti della legge di conversione del decreto legge, cfr. Corte cost. sentenza n. 93/2011 richiamata in Tar Sicilia, Sez. staccata di Catania, sent. n. 243/2013);
- palesi indicazioni di ordine costituzionale si desumono dalla sent. della Corte cost. n. 223/2012 che ha annullato solo in parte l'art. 9 D.L. 78/2010, in relazione al profilo delle guarentigie della magistratura ed al profilo del prelievo di natura fiscale non esteso a tutte le categorie di contribuenti.
In conclusione, il ricorso è infondato e va respinto.
Tuttavia, in ragione della specificità delle questioni trattate e dell'assenza di un univoco quadro giurisprudenziale in materia al momento della proposizione dell’odierno ricorso, le spese di giudizio possono essere integralmente compensate.
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Terza) respinge il ricorso indicato in epigrafe.
Spese compensate.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Catania nella camera di consiglio del giorno 22 ottobre 2014 con l'intervento dei magistrati:
Calogero Ferlisi, Presidente
Agnese Anna Barone, Consigliere, Estensore
Gustavo Giovanni Rosario Cumin, Referendario
DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 08/01/2015
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)