#4337 TAR Puglia, Bari, Sez. I, 18 ottobre 2018, n. 1330

Procedura concorsuale posto Professore II fascia - improcedibilità

Data Documento: 2018-10-18
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Dichiarazione di improcedibilità per sopravvenuta carenza di interesse

Contenuto sentenza
N. 01330/2018 REG.PROV.COLL.
N. 00891/2017 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia
(Sezione Prima)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 891 del 2017, integrato da motivi aggiunti, proposto da 
Francesca Cangelli, rappresentata e difesa dall'avvocato Paolo Stella Richter, con domicilio eletto presso lo studio Marida Dentamaro in Bari, via De Rossi, n.16; 
contro
Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca, Universita' degli Studi di Foggia, rappresentati e difesi dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Bari, domiciliati ex lege in Bari, via Melo, n.97; 
nei confronti
Roberta Giuliani, rappresentato e difeso dall'avvocato Giacomo Valla, con domicilio eletto presso il suo studio in Bari, via Quintino Sella, n. 36; 
Maria Grazia Masselli, Carmela Robustella, Giacinto Salvatore Germinaria non costituiti in giudizio; 
per l'annullamento del:
- Decreto rettorale n. 762/2017, Prot. n. 18403 – VII/1 del 30 giugno 2017 con il quale è stato emanato il bando per una Procedura selettiva per la copertura di n. 1 posto di professore universitario di ruolo di seconda fascia per il settore concorsuale 10/A1 “Archeologia” – settore scientifico disciplinare L-ANT/08 “Archeologia cristiana e medievale” mediante chiamata ai sensi dell'art. 18, comma 1, della L. 240/2010;
- Per quanto riguarda i motivi aggiunti presentati da CANGELLI FRANCESCA il 10112017, del Decreto rettorale n. 867 del 25 luglio 2017 con il quale è stato emanato il bando per una Procedura valutativa per la copertura di n. 1 posto di professore universitario di prima fascia mediante chiamata ai sensi dell'art. 24, comma 6, della L. 240/2010 – S.C. 10/D3 “Lingua e Letteratura Latina” - S.S.D. L-FIL-LET/04 “Lingua e Letteratura Latina” – Dipartimento di Studi Umanistici. Lettere, Beni Culturali, Scienze della Formazione;
- ove occorra e nei limiti dell'interesse della ricorrente del Decreto rettorale n. 903-2017, del 28 luglio 2017 con il quale è stato emanato il bando per una Procedura selettiva per la copertura di n. 1 posto di professore universitario di ruolo di seconda fascia per il settore concorsuale 12/E3 “Diritto dell'economia, dei mercati finanziari e agroalimentari e della navigazione” – settore scientifico-disciplinare IUS/05 “Diritto dell'economia” mediante chiamata ai sensi dell'art. 18, comma 1, della L. 240/2010;
- ove occorra e nei limiti dell'interesse della ricorrente del Decreto rettorale n. 1075-2017, del 28 settembre 2017 con il quale è stato emanato il bando per una Procedura selettiva per la copertura di n. 1 posto di professore universitario di ruolo di seconda fascia per il settore concorsuale 07/D1 “Patologia vegetale e Entomologia” - settore scientifico-disciplinare AGR/11 “Entomologia generale e applicata” mediante chiamata ai sensi dell'art. 18, co. 1, della L. 240/2010;
- di ogni altro atto connesso presupposto o conseguenziale, ivi compresi gli atti sino ad oggi compiuti nell'espletamento di ciascuna delle suddette procedure concorsuali, nonché della procedura concorsuale impugnata con il ricorso introduttivo, pubblicati sul sito internet www.unifg.it, sezione bandi per docenti e, in particolare, per ciascuna delle procedure:
1) la nomina della Commissione;
2) i verbali dei lavori della Commissione e la relazione finale;
3) il D.R. di approvazione degli atti della procedura;
4) la Delibera del Dipartimento;
5) la delibera del Consiglio di amministrazione.
- nonché ogni altro atto connesso presupposto o conseguenziale, ancorché non pubblicato e non conosciuto dalla ricorrente.
Visti il ricorso, i motivi aggiunti e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Roberta Giuliani; del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca e dell’Universita' degli Studi di Foggia;
Visti gli artt. 35, co. 1, lett. c, e 85, co. 9, cod. proc. amm.;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 17 ottobre 2018 la dott.ssa Desirèe Zonno e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Vista la dichiarazione resa a verbale in data odierna in sede di discussione orale, con cui parte ricorrente ha espresso la sopravvenienza del difetto di interesse alla decisione del ricorso, essendo intervenuta l’adozione del bando invocato, con richiesta di compensazione delle spese di lite;
Rilevato che le parti resistenti non si sono opposte alla invocata pronuncia principale, rimettendosi per la regolamentazione delle spese alla decisione del Collegio;
Ritenuto che non sussistono motivi ostativi alla dichiarazione di sopravvenienza del difetto di interesse, con compensazione delle spese di lite in ragione della particolarità della questione esaminata, restando il contributo unificato a carico di parte ricorrente come per legge;
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Prima), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.
Spese integralmente compensate.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Bari nella camera di consiglio del giorno 17 ottobre 2018 con l'intervento dei magistrati:
Angelo Scafuri, Presidente
Desirèe Zonno, Consigliere, Estensore
Angelo Fanizza, Primo Referendario

Pubblicato il 18/10/2018