#3348 TAR Molise, Campobasso, Sez. I, 14 marzo 2018, n. 142

Procedura concorsuale professore Ordinario-Improcebilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse

Data Documento: 2018-03-14
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Improcebilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse, avendo il ricorrente raggiunto il bene della vita anelato.

Contenuto sentenza
N. 00142/2018 REG.PROV.COLL.
N. 00097/2013 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise
(Sezione Prima)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 97 del 2013, proposto da Ripabelli Giancarlo, rappresentato e difeso dall'avvocato Pasquale Ripabelli, con domicilio eletto presso lo studio Pasquale Ripabelli, in Campobasso, via Lombardia, n. 157,
contro
Università degli Studi del Molise (Unimol) - Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute, con sede in Campobasso, in persona del legale rappresentante p. t., rappresentata e difesa per legge dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato, domiciliata in Campobasso, via Garibaldi, n. 124;
nei confronti di
Brunese Luca, controinteressato, rappresentato e difeso dagli avvocati Maria Alessandra Sandulli e Nicola Lucarelli, con domicilio eletto presso lo studio Nicola Lucarelli, in Campobasso, piazza Vittorio Emanuele II, n. 9;
per l'annullamento
dei Verbali del Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute n. 11 del 5.12.2012 e 12 del 7.12.2012 (di prosecuzione del primo) con i quali lo stesso Dipartimento, ignorando o male interpretando i criteri selettivi per la distribuzione del personale, proposti dal Senato Accademico (Verbale n. 13/2012) ed approvati dal Consiglio di Amministrazione (Verbale n. 11/2012), ha approvato la “proposta di ordine di priorità delle nomine di servizio dei candidati idonei per la fascia degli ordinari: 1) prof. Luca BRUNESE (SSD MED/36); 2) ex-aequo proff.ri Fabrizio GENTILE (SSD MED/04) e Giancarlo RIPABELLI (SSD MED/42); 4) prof. Gianpaolo COLAVITA (SSD VET/04); del Verbale n. 14/2012 del 11.12.2012, nella parte in cui il Senato Accademico, nel prendere atto delle su citate delibere, ha espresso parere favorevole anche rispetto a quanto sancito dal Dipartimento di Medicina e Scienze della Salute, precisando che “in merito alle chiamate di professori ordinari ratificate e fatte proprie dai Dipartimenti, già in precedenza effettuate dalle Facoltà soppresse a seguito del processo di riforma previsto dalla legge n. 240/2010, demanda alla competenza del Consiglio di Amministrazione le nomine in servizio per l’anno 2012, secondo le indicazioni formulate dai Dipartimenti interessati, nel rispetto delle assegnazioni di punti organico stabilite con delibera del Consiglio stesso adottata nella seduta del 30 novembre 2012”; del Verbale n. 12/2012 del 14.12.2012 nella parte in cui il Consiglio di Amministrazione ha deliberato all’unanimità “di approvare la chiamata del prof. Luca Brunese, in qualità di professore di ruolo di prima fascia per il settore scientifico disciplinare MED/36 “Diagnostica per Immagini e Radioterapia (settore concorsuale 6/1I1)”, presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute e la relativa nomina in servizio a decorrere dal 17.12.2012”; del D.R. n. 1156 del 14.12.2012 con cui si è decretata la nomina del prof. Brunese a partire dal 17.12.2012 “nella prima fascia di ruolo dei professori universitari con la qualifica di professore straordinario in regime di impegno a tempo pieno”; di ogni altro atto presupposto, conseguenziale e/o connesso anche non conosciuto se ed in quanto lesivo degli interessi del ricorrente ivi compresi: il Verbale del Consiglio di Amministrazione n. 10 del 23.11.2012; il Verbale del Senato Accademico n. 13 del 29.11.2012; il Verbale del Consiglio di Amministrazione n. 11 del 30.11.2012;
Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Università degli Studi del Molise e di Luca Brunese;
Viste le memorie difensive;
Visti gli artt. 35, co. 1, lett. c, e 85, co. 9, cod. proc. amm.;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza smaltimento del giorno 14 marzo 2018 il dott. Orazio Ciliberti e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Considerato che, in data 18 gennaio 2018, parte ricorrente ha dichiarato di non avere più interesse alla decisione del ricorso, a seguito della sua nomina a professore ordinario del 28.11.2017;
Ritenuto di dover pronunciare l’improcedibilità del ricorso, con compensazione delle spese giudiziali tra le parti;
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise (Sezione Prima), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.
Compensa tra le parti le spese del giudizio.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa.
Così deciso in Campobasso, nella camera di consiglio del giorno 14 marzo 2018, con l'intervento dei magistrati:
Orazio Ciliberti, Presidente, Estensore
Luca Monteferrante, Consigliere
Domenico De Falco, Primo Referendario
 Pubblicato il 14/03/2018