#1261 TAR Lombardia, Milano, Sez. IV, 9 gennaio 2015, n. 81

Progressione classi e scatti stipendiali docenti e ricercatori universitari – diniego del riconoscimento del triennio 2011-2013 ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio

Data Documento: 2015-01-09
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Per i docenti e i ricercatori universitari è ancora vigente un meccanismo di progressione automatica nelle classi e negli scatti stipendiali, secondo la nozione emergente dal D.L. 31 maggio 2010, n. 78. Il suo art. 9 è espressamente dedicato al “contenimento delle spese in materia di impiego pubblico”: ciò rileva ai fini dell’individuazione della nozione di “progressione automatica” contenuta nel comma 21 del medesimo articolo. La disposizione, infatti, non va riferita alla posizione del singolo lavoratore interessato, il quale non ha effettivamente certezza del conseguimento di detta progressione, rimesso in concreto ad una valutazione del datore di lavoro. La nozione di “progressione automatica”, richiamata dal comma 21, deve essere correlata alla sfera del bilancio pubblico, atteso che il bilancio è automaticamente intaccato per effetto della maturazione degli scatti stipendiali, dovendosi stanziare appositi fondi a copertura delle spettanze di tutti coloro che sono potenzialmente interessati da tale maturazione.

Contenuto sentenza
N. 00081/2015 REG.PROV.COLL.
N. 02351/2011 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia
(Sezione Quarta)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 2351 del 2011, proposto da: 
Giorgio Abbiati, Mauro Bonardi, Carlo De Martinis, Caterina La Porta, Piera Anna Martino, Michele Zucali, rappresentati e difesi dagli avv. Nicola Domenico Savignano, Eugenio Barrile, con domicilio eletto presso Nicola Domenico Savignano in Milano, Via Melchiorre Gioia, 55; Fabio Acocella, Fabrizio Adani, Giovanni Battista Agus, Stefano Aguzzoli, Francesco Vincenzo Albertini, Mariangela Albertini, Alberto Albinati, Stefano Allovio, Fabrizio Andreatta, Attilio Andreazza, Lucia Angiolini, Rita Annunziata, Maurizio Antonioli, Silvia Rosa Araneo, Claudio Agostino Ardagna, Francesco Arioli, Francesca Arnaboldi, Rosanna Asselta, Emanuele Bacchiocchi, Alessandro Bagnato, Miriam Bait, Marco Balini, Claudio Bandi, Anna Laura Bandini, Andrea Barbuti, Cristina Barlassina, Luisa Barni, Maria Cristina Bartolomei, Guglielmo Barucci, Mirko Baruscotti, Nicoletta Basilico, Alessandra Bassani, Cristina Battaglia, Elena Battaglioli, Luca Bechini, Angelo Belloli, Stefano Bellosta, Maria Grazia Bellotti, Monica Beltrame, Maria Matilde Luisa Benzoni, Giangiacomo Beretta, Massimo Bertolini, Daniela Besozzi, Maria Luisa Betri, Claudia Bianchi, Gilberto Bini, Cristiano Bolchi, Paolo Boldi, Giorgio Bolis, Luca Bonardi, Ilaria Bonomi, Giovanna Bonora, Maria Cristina Bonza, Maria Cristina Bordonaba Zabalza, Vitaliano Borromeo, Paolo Borsa, Daniele Bottai, Fiorenzo Botti, Paola Bozzi, Alberto Giordano Bramati, Dario Brambilla, Paola Giuseppina Brambilla, Lucio Brancadoro, Massimiliano Bratti, Oreste Vittore Brenna, Anna Teresa Brini, Flavia Bruno, Alberto Bucci, Nedda Burlini, Marco Buscaglia, Anna Maria Cabrini, Sonia Caccia, Marco Stefano Caccianiga, Davide Cadeddu, Petra Picò Cagnardi, Gabriele Caiati, Daniela Calistri, Francesca Caloni, Maria Vittoria Calvi, Elisabetta Canali, Mario Caniatti, Vincenzo Capasso, Elisabetta Caporali, Giuseppe Cappelletti, Graziella Cappelletti, Chiara Cappelletto, Maria Domenica Cappellini, Francesca Cappitelli, Andrea Capra, Franca Carandente, Giovanni Marco Carbone, Giuseppina Caretti, Elena Cariati, Marina Carini, Lucia Carlucci, Antino Carnevali, Alberto Carrara, Luisa Maria Carraro, Antonio Carrassi, Paolo Carrer, Donatella Caruso, Morena Casartelli, Alessandro Caselli, Antonella Casiraghi, Elena Casiraghi, Maria Cristina Casiraghi, Michela Castagna, Carlo Castellano, Marco Castellari, Fabrizio Castelli, Paola Catenaccio, Cecilia Cavaterra, Mariacristiina Cavecchi, Walter Cazzola, Michele Ceotto, Matteo Cerea, Maria Vittoria Cernigliaro, Silvia Cerolini, Alberto Ceselli, Liudmila Chapovalova, Raffaella Chiaramonte, Giulia Maria Carola Chiesa, Luca Maria Chiesa, Salvatore Ciappellano, Francesco Cilurzo, Stelvio Cimato, Valentina Ciriani, Emilio Giuseppe Ignazio Clementi, Gianluca Colò, Elisabetta Colombo, Mario Colombo, Sabrina Colombo, Federica Compostella, Silvia Antonia Conca, Gabriella Consonni, Ettore Contessini Avesani, Paola Conti, Alessandro Contini, Roberto Cordone, Costantino Corradini, Paolo Corradini, Paolo Cortesi, Paola Maria Cotta Ramusino, Maria Cristina Cozzi, Maurizio Crestani, Vittorio Criscuolo, Ilaria Cutica, Daniele Giuseppe Daffonchio, Alice Giulia Dal Borgo, Simone Dalla Chiesa, Clelia Mariangiola Luisa Dallanoce, Paola Emanuela Maria Dall'Ara, Daniela Rita Danna, Alessandra Dattero, Emma De Fabiani, Vito De Gennaro Colonna, Chiara Degano, Corrado Del Bò, Luca Del Giacco, Cristina Della Pina, Mario Dell'Agli, Francesco Demartin, Claudia Amina Di Filippo, Dario Di Francesco, Mauro Di Giancamillo, Claudia Dolci, Maurizio Domanin, Stefano Duga, Daniela Erba, Emanuela Erba, Roberto Escobar, Roberto Paolo Esposti, Arianna Facchi, Anna Fagnoni, Elena Maria Faioni, Mario Falchi, Luigi Falciola, Marcello Fanti, Silvia Fargion, Iole Fargnoli, Enrica Maria Fava, Antonio Ferrante, Valentina Ferrante, Alfio Ferrara, Stefano Francesco Angelo Ferrari, Elisabetta Ferro, Gianfranco Fiaccadori, Cristiana Fiamingo, Gelsomina Fico, Camillo Fiorentini, Carlo Fiorio, Paolo Foa, Anastasia Foppoli, Fabio Forlani, Paola Fossati, Anna Ludovica Fracanzani, Grzegorz Franczak, Fabio Fumagalli, Laura Fumagalli, Nicoletta Gaggero, Sergio Maria Gaini, Mariarita Galbiati, Marzio Galeotti, Diana Urania Galetta, Daniele Gallazzi, Davide Emilio Galli, Emma Gallo, Franco Gallone, Andrea Gamberini, Raffaella Gandolfi, Mario Ganino, Fabrizio Gardoni, Giuliana Elena Garzone, Dino Gavinelli, Arianna Gelain, Claudio Genchi, Chiara Grazia Milena Gennari, Maria Gerosa, Filippo Geuna, Daniela Erica Ghisotti, Sabino Giannuli, Ada Carla Gigli, Silvia Gilardi, Alessia Giordano, Carmela Gissi, Mauro Giudici, Elisa Ada Giunchi, Nerina Bruna Gnesutta, Giampietro Gobo, Maria Goffredi, Liana Goletiani, Piero Graglia, Ivano Granata, Giovanni Grazioso, Kim Serena Grego, Valeria Grieco, Guido Grilli, Ivana Gritti, Flavia Maria Groppi Garlandini, Giuliano Grossi, Claudia Gualtieri, Luisa Guerrini, Alessandra Guglielmetti, Chiara Guglielmetti, Claudia Gusmara, Laura Rita Iacovone, Giuliana Iannaccaro, Roberto Impicciatore, Teresa Isenburg, Matteo Roberto Carlo Jessoula, Paolo Lanfranchi, Salvatore Lanzavecchia, Stefania Lauzi, Alessandra Lavagnino, Carlo Giulio Lenti, Maria Giovanna Leonardi, Elena Lesma, Stefano Levati, Valentino Liberali, Patrizia Limonta, Leonardo Lo Presti, Giovanni Lodi, Elisabetta Lonati, Maria Longeri, Mariangela Longhi, Paola Maria Loreto, Flavio Massimo Lucchesi, Alberto Maria Luciano, Daniela Lucini, Gaia Cecilia Luvoni, Camilla Luzzago, Ilaria Madama, Dario Maggiorini, Valerio Magnaghi, Paolo Magni, Agata Maida, Jeanette Anne Marie Maier, Germano Maifreda, Franca Maino, Dario Malchiodi, Amedea Manfredi, Barbara Manfredi, Maria Teresa Manfredi, Nicola Manini, Giancarlo Manzi, Matilde Manzoni, Giovanna Maria Mapelli, Gloria Marchetti, Giancarlo Mariotti, Alessandra Maroni, Anna Marozzi, Vincenzo Marra, Giulia Luisa Masserini, Maurizio Maugeri, Michele Mazzanti, Silvia Michela Mazzola, Cosimo Melcangi, Fiorella Meneghetti, Elena Menegola, Pierluigi Mercandelli, Andrea Meregalli, Carlo Mereghetti, Marco Mesiti, Elio Messi, Graziella Messina, Alessandra Micheletti, Michela Minero, Paola Minghetti, Silvia Clotilde Bianca Modina, Giuseppe Molteni, Raffaella Molteni, Marelli Marina Montagnani, Carlo Montaleone, Daniela Morale, Piero Morandini, Paola Morando, Roberta Manuela Moretti, Silvia Morgutti, Gianfranco Mormino, Anna Chiara Giovanna Morpurgo, Michele Mortarino, Alessandra Moscatelli, Claudia Moscheni, Enrico Mozzi, Marco Nardini, Armando Negri, Noemi Negrini, Stefano Neri, Fabio Francesco Nocito, Giuliana Nuvoli, Claudio Olivari, Elisabetta Onelli, Marco Orofino, Fulvia Orsini, Bianca Ortuani, Letizia Osti, Emanuele Pacifici, Elisa Paganini, Maria Cristina Paganoni, Giulio Pagnacco, Beatrice Santa Palano, Simone Paleari, Marco Pallavicini, Saverio Paltrinieri, Luca Palugan, Monica Panigati, Massimo Parodi, Rita Paroni, Grazia Pastorelli, Matteo Pecchiari, Alessandro Pedretti, Giuseppe Pelosi, Tiziano Penati, Roberta Pennati, Carla Perego, Paolo Perlasca, Pierluigi Perri, Paolo Pesaresi, Maria Claudia Piagnani, Irene Maria Luisa Piazzoni, Stefano Pieraccini, Grazia Pietrini, Giovanni Pighizzini, Davide Enrico Pini, Elena Pini, Andrea Pinto, Federica Pirrone, Paolo Giuseppe Carlo Piseri, Federico Gustavo Pizzetti, Maddalena Pizzotti, Paola Pocar, Alessandro Podestà, Francesca Poggi, Angelo Poletti, Giorgio Poli, Michele Polli, Laura Maria Popolo, Marisa Porrini, Marco Alberto Carlo Potenza, Laura Prati, Davide Pravettoni, Alberto Priori, Daniela Proverbio, Alessandra Puglisi, Alberto Pullia, Antonia Radaelli, Fabio Attilio Cirillo Ragaini, Laura Maria Raimondi, Tiziana Rampin, Stefano Ricagno, Pietro Riccaboni, Maria Gabriella Riccobono, Isabella Silvia Rimoldi, Sandro Rinauro, Federica Riva, Marco Andrea Riva, Paola Vanda Riva, Silvia Rizzato, Rita Maria Rizzi, Angela Maria Rizzo, Ottavio Giulio Rizzo, Francesco Rocco, Gabriella Roda, Manuela Silvia Rollini, Roberto Romano, Massimiliano Romé, Stefano Romussi, Margaret Lynn Rose, Ilenia Rossetti, Elisabetta Rossi, Laura Rossini, Giuseppe Battista Rossoni, Marzia Rosti, Giancarlo Roviaro, Diego Rubolini, Vincenzo Russo, Rossana Sacchi, Stefano Sacchi, Angelo Sala, Vittorio Sala, Guido Sali, Silvia Salini, Stefania Tatiana Salvi, Michele Samaja, Luigi Giuseppe Sampietro, Monica Santoro, Lopez Luis Javier Santos, Marco Saracchi, Patrizia Sartori, Roberto Sassi, Simone Scacchi, Paola Scarpa, Marco Scavini, Filippo Scuto, Guido Giovanni Sello, Francesca Selmin, Renata Semenza, Piergiorgio Settembrini, Paola Sigorelli, Stefano Luca Simonetta, Paolo Simonetti, Corrado Sinigaglia, Silvia Sirchia, Angelo Sironi, Giuseppe Sironi, Maurizio Sironi, Giulia Soldà, Maddalena Sorrentino, Alberto Spada, Adolfo Sergio Spadoni, Anna Concettina Sparatore, Anna Spinardi, Corrado Stefanachi, Damiano Stefanello, Paolo Stellari, Claudia Storti, Gian Franco Tantardini, Massimo Tarallo, Cristina Tarsi, Gabriella Tedeschi, Jardena Emilia Celina Tedeschi, Elide Terraneo, Chiara Tommasi, Concezione Tommasino, Paolo Tremolada, Andrea Trentini, Michela Cristina Turci, Maurizio Turiel, Lauretta Turin, Bassano Vacchini, Francesca Irma Maria Vaglienti, Massimo Vai, Mara Valenti, Giorgio Valentini, Lisa Vallone, Ermanno Valoti, Stefano Valtolina, Graziella Vanosi, Roberta Vecchi, Angela Maria Vecchio, Marco Venturin, Contardo Vergani, Luisella Verotta, Maurizio Vertemati, Alessandro Vescovi, Paola Viani, Sebastiano Vigna, Marco Vignati, Daniele Vigo, Elena Villa, Roberto Edoardo Villa, Francesca Clara Villata, Antonio Violante, Paola Vismara, Alessandro Vitale, Barbara Viviani, Cristina Zampese, Elena Zampieri, Carlo Zanotto, Alfonso Zecconi, Lucia Zema, rappresentati e difesi dagli avv. Eugenio Barrile, Nicola Domenico Savignano, con domicilio eletto presso Nicola Domenico Savignano in Milano, Via Melchiorre Gioia, 55; 
contro
Universita' degli Studi di Milano, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa ex lege dall’Avvocatura distrettuale dello Stato, presso i cui uffici domicilia, in Milano via Freguglia n. 1; 
per l'annullamento
della nota del 18.01.2011 con cui l'Amministrazione ha comunicato al personale Docente e Ricercatore di applicare l'art.9, comma 21, del D.L. 78/10, nonchè dei cedolini stipendiali nella parte in cui "bloccano" i c.d. contatori dell'anzianità maturata e di qualsiasi altro atto collegato.
Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visto l'atto di costituzione in giudizio di Universita' degli Studi di Milano;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 8 gennaio 2015 il dott. Fabrizio Fornataro e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.
FATTO
I ricorrenti chiedono l’annullamento degli atti indicati in epigrafe, nonché l’accertamento del diritto a conseguire le classi e gli scatti stipendiali che deriverebbero dalla non applicazione nei loro confronti della norma prevista dall’art. 21, comma 9, del d.l. 31 marzo 2010, n. 78, convertito in legge 30 luglio 2010 n. 122, della quale contestano sia la diretta riferibilità alle loro posizioni lavorative, sia, in via subordinata, la legittimità costituzionale.
Si è costituita in giudizio l’amministrazione resistente, eccependo l’infondatezza delle domande proposte e chiedendone il rigetto.
All’udienza del giorno 8 gennaio 2015 la causa è stata trattenuta in decisione.
DIRITTO
1) I ricorrenti sono docenti universitari, professori o ricercatori, in servizio presso l’Università degli Studi di Milano ed hanno chiesto all’amministrazione di appartenenza di non applicare nei loro confronti la norma dell’art. 9, comma 21 secondo periodo, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, come convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122, ritenendola non riferibile ai docenti e ai ricercatori universitari in ragione delle previsioni contenute tanto nel decreto legge 2008 n. 180, quanto nella successiva legge 2010 n. 140.
Con la nota impugnata l’Università ha respinto le pretese avanzate dai docenti, applicando nei loro confronti, ai fini della determinazione delle classi e degli scatti stipendiali maturati, proprio l’art. 9, comma 21, del d.l. 2010 n. 78.
I ricorrenti si dolgono sia dell’avvenuta applicazione della norma appena richiamata, sia delle correlate decurtazioni economiche, dubitando, in via subordinata, della compatibilità costituzionale della disciplina in esame.
In relazione alla richiesta determinazione delle classi e scatti stipendiali senza decurtazioni, i ricorrenti lamentano la violazione dell’art 3 ter del d.l. 2008 n. 180, nonché degli artt. 6 e 8 della legge 2010 n. 240, sostenendo che le decurtazioni previste dall’art. 9, comma 21, del d.l. 31 maggio 2010 n. 78 non sarebbero a loro applicabili, in quanto la norma concerne solo i dipendenti per i quali si configura un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, non più ipotizzabile per i docenti e i ricercatori universitari.
In particolare, la previsione legislativa di un meccanismo di automatica progressione economica dei ricercatori e professori, attraverso il sistema degli “scatti” automatici stipendiali disciplinato dal d.p.r. 11 luglio 1980 n. 382, sarebbe stata definitivamente superata dall’art. 3-ter del d.l. 2008 n. 180, confermato dalla legge 2010 n. 240, c.d. “legge Gelmini”, poiché il nuovo quadro normativo condiziona la progressione professionale alla verifica delle attività didattiche, di ricerca e gestionali svolte dagli insegnanti, senza alcun automatismo.
Viceversa, l’eccezione di incostituzionalità dell’art. 9, comma 21, del d.l. 2010 n. 78 viene sollevata per diversi profili, quali: la ritenuta violazione 1) dell’art. 3 Cost., in relazione al mancato rispetto del principio di uguaglianza tra categorie di lavoratori e di ragionevolezza con riguardo agli effetti retroattivi della previsione legislativa; 2) dell’art. 36 Cost., in termini di mancata osservanza del principio di proporzionalità tra retribuzione e prestazione lavorativa; 3) dell’art. 77 Cost. per mancanza dei requisiti della necessità ed urgenza; 4) degli artt. 33 e 34 Cost., per violazione del principi della tutela della ricerca scientifica; 5) dell’art. 53 Cost., per inosservanza del criterio di progressività delle forme di prelievo tributario; 6) dell’art. 97 Cost., sub specie di inosservanza del canone di buon andamento dell’azione amministrativa.
2) Preliminarmente, va osservato che la richiesta di dichiarazione di cessazione della materia del contendere presentata dal difensore dei ricorrenti, in ragione della sopravvenuta decisione della Corte Costituzionale del 17 dicembre 2013, n. 310, non può essere accolta, poiché tale decisione non ha effetti giuridici satisfattivi delle pretese azionate dai ricorrenti.
Nel merito, il Tribunale rileva che le censure proposte non possono essere condivise e la questione di legittimità costituzionale è manifestamente infondata.
Le doglianze sollevate dalle parti devono essere esaminate previa esplicitazione del quadro normativo di riferimento e tenendo presente la già richiamata decisione della Corte Costituzionale del 17 dicembre 2013, n. 310.
L’art. 9, comma 21, del d.l. 2010 n. 78, recante “Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”, dispone che “i meccanismi di adeguamento retributivo per il personale non contrattualizzato di cui all'articolo 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, così come previsti dall'articolo 24 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, non si applicano per gli anni 2011, 2012 e 2013 ancorché a titolo di acconto, e non danno comunque luogo a successivi recuperi. Per le categorie di personale di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni, che fruiscono di un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, gli anni 2011, 2012 e 2013 non sono utili ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio previsti dai rispettivi ordinamenti. Per il personale di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni le progressioni di carriera comunque denominate eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici. Per il personale contrattualizzato le progressioni di carriera comunque denominate ed i passaggi tra le aree eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici”.
La contestazione concerne il secondo periodo della norma appena citata, in quanto i ricorrenti, docenti e ricercatori universitari, sostengono di non fruire di un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, sicché l’amministrazione avrebbe dovuto valorizzare anche gli anni 2011, 2012 e 2013 ai fini della maturazione in loro favore di ulteriori classi e scatti di stipendio, senza applicare i limiti posti dal d.l. 2010 n. 78.
In ordine alle modalità di progressione stipendiale dei docenti e dei ricercatori universitari, l’art. 3-ter del d.l. 2008 n. 180, inserito dalla legge di conversione 9 gennaio 2009, n. 1, prevede che “1. Gli scatti biennali di cui agli articoli 36 e 38 del decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382, destinati a maturare a partire dal 1° gennaio 2011, sono disposti previo accertamento da parte della autorità accademica della effettuazione nel biennio precedente di pubblicazioni scientifiche.2. I criteri identificanti il carattere scientifico delle pubblicazioni sono stabiliti con apposito decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, su proposta del Consiglio universitario nazionale e sentito il Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca. … 4. I professori di I e II fascia e i ricercatori che nel precedente triennio non abbiano effettuato pubblicazioni scientifiche individuate secondo i criteri di cui al comma 2 sono esclusi dalla partecipazione alle commissioni di valutazione comparativa per il reclutamento rispettivamente di professori di I e II fascia e di ricercatori”.
La formulazione originaria della norma comprendeva il terzo comma, in base al quale “la mancata effettuazione di pubblicazioni scientifiche nel biennio precedente comporta la diminuzione della metà dello scatto biennale”, ma il comma è stato abrogato dall'art. 8, comma 2, della legge 30 dicembre 2010, n. 240.
Rispetto all’oggetto della valutazione rilevante ai fini della progressione stipendiale, l’art. 6, comma 14, della legge 2010 n. 240 dispone che “I professori e i ricercatori sono tenuti a presentare una relazione triennale sul complesso delle attività didattiche, di ricerca e gestionali svolte, unitamente alla richiesta di attribuzione dello scatto stipendiale di cui agli articoli 36 e 38 del decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382, fermo restando quanto previsto in materia dal decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. La valutazione del complessivo impegno didattico, di ricerca e gestionale ai fini dell'attribuzione degli scatti triennali di cui all'articolo 8 è di competenza delle singole università secondo quanto stabilito nei regolamenti di ateneo. In caso di valutazione negativa, la richiesta di attribuzione dello scatto può essere reiterata dopo che sia trascorso almeno un anno accademico. Nell'ipotesi di mancata attribuzione dello scatto, la somma corrispondente è conferita al Fondo di ateneo per la premialità dei professori e dei ricercatori di cui all'articolo 9.
Il successivo art. 8 della legge n. 240/2010 rimette ad un apposito regolamento governativo la revisione della disciplina del trattamento economico dei professori e dei ricercatori universitari già in servizio e di quelli vincitori di concorsi indetti fino alla data di entrata in vigore della legge stessa, nel rispetto dei seguenti criteri: a) trasformazione della progressione biennale per classi e scatti di stipendio in progressione triennale; b) invarianza complessiva della progressione; c) decorrenza della trasformazione dal primo scatto successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente legge.
E’ stato così emanato il d.p.r. 15 dicembre 2011, n. 232, recante il regolamento per la disciplina del trattamento economico dei professori e dei ricercatori universitari.
In particolare, l’art. 2 del regolamento citato procede alla revisione del trattamento economico dei professori e ricercatori assunti secondo il regime previgente, disponendo la trasformazione della progressione biennale per classi e scatti di stipendio in progressione triennale articolata per classi, secondo apposite tabelle di corrispondenza allegate al testo normativo. Il comma 3 della norma precisa che “3. L'attribuzione delle classi stipendiali successive è subordinata ad apposita richiesta e all'esito positivo della valutazione, da effettuarsi ai sensi di quanto previsto dall'articolo 6, comma 14, della Legge e decorre dal primo giorno del mese nel quale sorge il relativo diritto”.
Il quadro normativo così delineato conduce a ritenere che per i docenti e i ricercatori universitari sia ancora vigente un meccanismo di progressione automatica nelle classi e negli scatti stipendiali secondo la nozione emergente dal d.l. 2010 n. 78.
Sul punto vanno richiamate le considerazioni già svolte dal Tribunale in relazione alla ratio che sottende la normativa in esame (cfr. in particolare, Tar Lombardia Milano, sez. IV, 8 giugno 2012, n. 1627).
Il d.l. n. 78/2010 reca “misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria” e l’art. 9 è espressamente dedicato al “contenimento delle spese in materia di impiego pubblico” e ciò rileva ai fini dell’individuazione della nozione di “progressione automatica” contenuta nel comma 21.
La disposizione non va riferita alla posizione del singolo lavoratore interessato, il quale non ha effettivamente certezza del suo conseguimento, rimesso in concreto ad una valutazione del datore di lavoro. La nozione di “progressione automatica”, richiamata dal comma 21, deve essere correlata alla sfera del bilancio pubblico, alla cui salvaguardia è preordinato lo stesso d.l. n. 78/2010, atteso che il bilancio è “automaticamente” intaccato per effetto della maturazione degli scatti stipendiali, dovendosi stanziare appositi fondi a copertura delle spettanze di tutti coloro che sono potenzialmente interessati da tale maturazione.
Si tratta di argomenti già sviluppati dalla giurisprudenza (cfr. T.A.R. Calabria- Reggio Calabria ord. n. 311/2012), la quale ritiene che la sospensione degli scatti di cui si tratta non sia volta a correggere la dinamica della loro attribuzione, ma la loro incidenza in termini economici sulle poste passive del bilancio statale, cosicché “l’automatismo della loro attribuzione è requisito meramente descrittivo della fattispecie normativa e non qualificante, essendo indifferente, ai fini economici, la modalità di attribuzione degli incrementi retributivi”.
Anche se, per i singoli interessati, l’attribuzione degli scatti stipendiali è eventuale, dipendendo dalle valutazioni previste dalla legge, dal momento che gli scatti non sono contingentati e la loro attribuzione non è comunque affidata a procedure selettive, tali da ridurre l’importo complessivo dell’incremento degli oneri per il personale, ai fini della previsione della spesa nel bilancio dello Stato, va comunque previsto (e conseguentemente garantito come approvvigionamento a copertura delle relative poste passive) un finanziamento pari agli incrementi stipendiali spettanti a “tutti” coloro che potenzialmente sono in grado di conseguire gli scatti medesimi.
Del resto, su analoga questione il Tribunale ha già espressamente riconosciuto “il carattere dell’automaticità” di un sistema retributivo (quello dei magistrati ordinari), nonostante la previsione di una “valutazione di professionalità”, il cui esito negativo comporta “la perdita del diritto all’aumento periodico di stipendio” (si consideri il comma 12 dell’art. 11 del d.l.vo 5 aprile 2006 n. 160), ritenendosi che, nonostante tale previsione, la caratteristica fondamentale di tale trattamento economico fosse “l’esistenza di un sistema automatico di collegamento dell’andamento delle retribuzioni con quelle del pubblico impiego” (v. ord. Tar Lombardia Milano, sez. IV, n. 59/2012).
La progressione stipendiale nell’ambito della vita professionale dei ricorrenti è prefigurabile ex ante, in relazione al decorso del tempo ed alla conseguente maturazione degli “scatti”, sicché assume carattere di automaticità, in quanto non subordinata ad eventi estranei alla sfera lavorativa degli interessati, quali ad esempio determinazioni assunte in sede di contrattazione collettiva, o superamento di procedure concorsuali tra più aspiranti. Anche se il datore di lavoro può negare gli avanzamenti per coloro che non hanno dimostrato un minimo “impegno didattico, di ricerca e gestionale”, in applicazione della nuova normativa ed in attuazione dei principi di cui all’art. 97 Cost., ciò non toglie che i ricorrenti continuino a fare parte di un sistema in cui gli avanzamenti stipendiali sono appunto “automaticamente” previsti e concretamente ottenibili in conseguenza dell’anzianità di servizio (cfr. in argomento Tar Umbria, sez. I, ord. 13 marzo 2013 n. 156).
Del resto, se il legislatore avesse voluto escludere il personale docente dall’ambito di applicazione dell’art. 9, comma 21, del d.l. n. 78/2010 avrebbe introdotto una disposizione ad hoc, come avvenuto ad esempio con il successivo comma 22 per la categoria dei magistrati.
Anche il dato letterale conforta le considerazioni sinora espresse, in quanto l’art. 2, comma 2, del d.p.r. 15 dicembre 2011, n. 232, prevede che “la trasformazione della progressione biennale in progressione triennale avviene al momento in cui viene maturato il passaggio nella classe o scatto successivi a quella in godimento alla data di entrata in vigore della Legge, fermo restando quanto previsto dall'articolo 9, comma 21, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. In sede di primo inquadramento nel nuovo regime è attribuito il trattamento stipendiale spettante secondo il regime previgente…”.
Insomma, anche la normativa regolamentare recante la revisione della disciplina del trattamento economico dei professori e dei ricercatori universitari ribadisce espressamente l’applicazione a tali categorie di lavoratori dell'art. 9, comma 21, del d.l. 2010, n. 78.
Ne deriva l’infondatezza della censura in esame.
2.2) I profili di illegittimità costituzionale dell’art. 9, comma 21, del d.l. 2010, n. 78, denunciati dai ricorrenti sono già stati esaminati con esito negativo dalla Corte Costituzionale, sicché la relativa questione, posta in via subordinata con il ricorso in esame, risulta manifestamente infondata.
In particolare la Corte, con sentenza del 17 dicembre 2013, n. 310, ha ritenuto che:
- non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 9, comma 21, primo, secondo e terzo periodo, in riferimento all'art. 77 Cost., per la asserita mancanza dei presupposti di «necessità» e di «urgenza», atteso che l'esigenza di controllo della finanza pubblica non sarebbe di per sé condizione necessaria e sufficiente a concretare tali requisiti.
Sul punto la Corte ha precisato che il d.l. n. 78 del 2010, che reca l'intestazione «Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica», è stato adottato ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per il contenimento della spesa pubblica e per il contrasto all'evasione fiscale ai fini della stabilizzazione finanziaria, nonché per il rilancio della competitività economica, esigenze che non sono concretamente contestate nelle ordinanze di rimessione. E d'altro canto l'art. 9, rubricato: «Contenimento delle spese in materia di impiego pubblico», e che si inserisce nel Capo III «Contenimento delle spese in materia di impiego pubblico, invalidità e previdenza», appare del tutto coerente con tali finalità di contenimento della spesa pubblica. In particolare, la protrazione nel tempo - anche se non senza limiti - delle misure previste non contraddice la sussistenza della necessità ed urgenza, attese le esigenze di programmazione pluriennale delle politiche di bilancio;
- non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 9, comma 21, primo, secondo e terzo periodo, del d.l. n. 78 del 2010, in riferimento, nel complesso, agli artt. 3, 97, 36 e 53 Cost.
In particolare, la Corte ha osservato che alle disposizioni in esame non può riconoscersi natura tributaria, atteso che non danno luogo ad una prestazione patrimoniale imposta, realizzata attraverso un atto autoritativo di carattere ablatorio, destinata a reperire risorse per l'erario. La giurisprudenza della Corte (di recente sentenza n. 223 del 2012) ha precisato che gli elementi indefettibili della fattispecie tributaria sono tre: la disciplina legale deve essere diretta in via prevalente a procurare una definitiva decurtazione patrimoniale a carico del soggetto passivo; la decurtazione non deve comportare una modifica di un rapporto sinallagmatico; le risorse derivanti, che devono essere connesse ad un presupposto economicamente rilevante, vanno destinate a «sovvenire» le pubbliche spese. Conseguentemente, non possono trovare ingresso le censure relative al mancato rispetto dei principi di progressività e di capacità contributiva;
- non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 9, comma 21, primo, secondo e terzo periodo, sollevate, nel complesso, in riferimento agli artt. 9, 33, 34 e 97 Cost.
La Corte ha ricordato come la giurisprudenza costituzionale non suffraghi la conferenza di tali parametri al trattamento economico dei docenti universitari, atteso che con la sentenza n. 22 del 1996, si è affermato, con specifico riguardo all'art. 33 Cost., la «non pertinenza di tale parametro al problema del trattamento economico dei docenti, posto che l'autonomia oggetto di tale disposizione "non attiene allo stato giuridico dei professori universitari" [...], "i quali sono legati da rapporto di impiego con lo Stato e sono di conseguenza soggetti alla disciplina che la legge statale ritiene di adottare"». La successiva sentenza n. 383 del 1998 ha poi affermato che «Gli artt. 33 e 34 della Costituzione pongono i principi fondamentali relativi all'istruzione con riferimento, il primo, all'organizzazione scolastica (della quale le università, per quanto attiene all'attività di insegnamento sono parte: sentenza n. 195 del 1972); con riferimento, il secondo, ai diritti di accedervi e di usufruire delle prestazioni che essa è chiamata a fornire. Organizzazione e diritti sono aspetti speculari della stessa materia, l'una e gli altri implicandosi e condizionandosi reciprocamente. Non c'è organizzazione che, direttamente o almeno indirettamente, non sia finalizzata a diritti, così come non c'è diritto a prestazione che non condizioni l'organizzazione. Questa connessione richiede un'interpretazione complessiva dei due articoli della Costituzione».
- non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 9, comma 21, primo, secondo e terzo periodo, del d.l. n. 78 del 2010, sollevate, in riferimento, nel complesso, agli artt. 2 (dignità sociale e solidarietà), 3 (principio di ragionevolezza e di uguaglianza, partecipazione), 36 e 97 (anche in riferimento all'art. 9), Cost., nonché al principio dell'affidamento del cittadino nella sicurezza giuridica, con riguardo al blocco sia dell'adeguamento, che delle classi e degli scatti.
In particolare la Corte ha evidenziato l’irrilevanza in concreto della precedente sentenza n. 223 del 2012 che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 9, comma 22, relativo al blocco dei meccanismi di adeguamento retributivo per il personale di magistratura perché correlata alle specificità dell'ordinamento della magistratura, specificità non sussistenti rispett