#2975 TAR Lombardia, Milano, Sez. III, 24 gennaio 2018, n. 198

Accesso ai corsi di laurea a numero chiuso-Improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse

Data Documento: 2018-01-24
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse alla decisione del ricorso nel merito, avendo l’ateneo provveduto all’iscriizone del ricorrente al corso di laurea prescelto.

 

Contenuto sentenza
N. 00198/2018 REG.PROV.COLL.
N. 02806/2017 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia
(Sezione Terza)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 2806 del 2017, proposto da: 
Cristiano Forgnone, rappresentato e difeso dall'avvocato Roberto Forgnone, con domicilio eletto presso il suo studio in Milano, via Fabio Filzi 45; 
contro
Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca, Universita' degli Studi Milano Bicocca, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura Dello Stato, domiciliata in Milano, via Freguglia, 1 (Palazzo Giustizia; 
Per accertare e dichiarare l'illegittimità del silenzio serbato dall'Università degli Studi di Milano Bicocca e per l'effetto
- Ordinare alla stessa di provvedere in ordine alla istanza presentata dal ricorrente, concludendo l'iter procedimentale con un provvedimento espresso, fissandone il relativo termine, provvedendo sin d'ora, in caso di inosservanza, a nominare il commissario ad acta che vi provveda in via sostitutiva a spese dell'Amministrazione inadempiente
- Condannare l'Università degli Studi di Milano Bicocca a risarcire i danni tutti conseguenti al comportamento illegittimo serbato, la cui quantificazione viene rimessa all'apprezzamento di codesto Ecc.mo Tribunale.
- Con vittoria delle spese di giudizio.
Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca e di Universita' degli Studi Milano Bicocca;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 23 gennaio 2018 il dott. Alberto Di Mario e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.
FATTO e DIRITTO
1. Il ricorrente ha proposto ricorso contro il silenzio sulla richiesta di riconversione creditizia del Diploma triennale di Massofisioterapista, di valutazione della Laurea in Scienze Motorie, e degli ulteriori titoli in suo possesso, con la consequenziale iscrizione dello stesso al terzo anno del corso di Laurea in Fisioterapia presso la Vs. Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca.
Il ricorrente ha proposto anche altro giudizio conclusosi con la sentenza n. 1822/2017 di questa Sezione, che imponeva all’Università degli studi di Milano l’iscrizione al corso di laurea in fisioterapia e, in esecuzione di quella sentenza, aveva anche provveduto all’iscrizione medesima.
Chiede quindi che il ricorso venga dichiarato improcedibile per sopravenuta carenza di interesse, con compensazione delle spese di giudizio.
La difesa dello Stato chiede la condanna alle spese del giudizio.
Alla camera di consiglio del 23 gennaio 2018 la causa è stata trattenuta dal Collegio per la decisione.
2. Il ricorso è improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse a ricorrere.
3. Poiché l’annullamento del precedente diniego disposto con la sentenza sopra indicata comportava per l’amministrazione l’obbligo di una nuova valutazione della situazione del ricorrente, sussistono giustificati motivi per compensare tra le parti le spese del giudizio.
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse a ricorrere.
Spese compensate.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Milano nella camera di consiglio del giorno 23 gennaio 2018 con l'intervento dei magistrati:
Ugo Di Benedetto, Presidente
Alberto Di Mario, Consigliere, Estensore
Valentina Santina Mameli, Referendario
Pubblicato il 24/01/2018