#2889 TAR Campania, Napoli, Sez. VIII, 24 ottobre 2017, n. 4946

Procedura concorsuale posto ricercatore-Improcedibilità

Data Documento: 2017-10-24
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Massima

Improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse alla decisione.

Contenuto sentenza
N. 04946/2017 REG.PROV.COLL.
N. 02273/2013 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania
(Sezione Ottava)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 2273 del 2013, proposto da: 
Rosaria Di Leva, rappresentata e difesa dagli avvocati Nicola Lavorgna e Paola Fraconte, con domicilio eletto presso lo studio Nicola Lavorgna in Napoli, via Sant'Aspreno n. 13; 
contro
Università degli Studi Federico II di Napoli, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dall’Avvocatura distrettuale dello Stato di Napoli, domiciliataria ex lege
nei confronti di
Manuela Brescia, rappresentata e difesa dall'avvocato Italo Spagnuolo Vigorita, con domicilio eletto presso il suo studio in Napoli, via Posillipo n. 394; 
Ciro Ascione, Vincenzo Di Tuoro, non costituiti in giudizio;
per l'annullamento
della graduatoria finale della selezione pubblica, per titoli ed esami, a numero 40 posti per l'ammissione al tirocinio formativo attivo (TFA) - classe A033 - a.a. 2011/2012.
Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio dell’Università degli Studi Federico II di Napoli e di Manuela Brescia;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 18 ottobre 2017 il dott. Italo Caso e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Considerato che nel corso dell’udienza di discussione della causa il difensore della ricorrente ha dichiarato che è venuto meno l’interesse alla decisione sulla lite;
Ritenuto che, sino al momento in cui la causa è trattenuta per la decisione, il ricorrente ha piena disponibilità dell’azione e, quindi, può rinunciare al ricorso o, comunque, può dichiarare di avere perduto ogni interesse alla decisione, con la conseguenza che, non avendo il potere di procedere d’ufficio né quello di sostituirsi al ricorrente nella valutazione dell’interesse ad agire, il giudice amministrativo – in ossequio al principio dispositivo – è tenuto alla declaratoria dell’improcedibilità del ricorso allorché il ricorrente dichiari la sopravvenuta carenza di interesse alla decisione (v., tra le altre, Cons. Stato, Sez. IV, 12 settembre 2016 n. 3848);
che, tenuto conto dell’andamento complessivo della controversia, si ravvisano i presupposti per la compensazione delle spese di giudizio
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Ottava), pronunciando sul ricorso in epigrafe, lo dichiara improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.
Spese compensate.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità amministrativa.
Così deciso in Napoli nella camera di consiglio del giorno 18 ottobre 2017 con l'intervento dei magistrati:
Italo Caso, Presidente, Estensore
Fabrizio D'Alessandri, Consigliere
Rosalba Giansante, Consigliere
Pubblicato il 24/10/2017