#3960 Corte dei conti reg., Sicilia, 4 settembre 2017, n. 536

Pagamento della indennità integrativa speciale

Data Documento: 2017-09-04
Autori:
Autorità Emanante:
Area: Giurisprudenza
Contenuto sentenza
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME  DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE DEI CONTI
SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA
IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI
Dott. Giuseppe Grasso ha pronunciato la seguente
SENTENZA N. 536/2017                
sul ricorso in materia pensionistica, depositato in data 28/10/2013 ed iscritto al n. 61403 del registro di segreteria, promosso da Di S.F. ved. R. rappresentata e difesa dall’avv.Antonio Ammendolia, ed elettivamente domiciliato presso lo studio dell’avv,Rosaria Zammataro in Palermo, via Serpotta n.66.
Nei confronti di
INPS gestione inpdap .
Esaminati gli atti e documenti del fascicolo processuale. 
Uditi all’udienza del 8/5/2017,  l’avv. Bellomo per l’avv. Ammendolia per il ricorrente e l’avv. Bernocchi per l’INPS.
FATTO
La ricorrente chiede il pagamento della indennità integrativa speciale sulla pensione  ordinaria indiretta in godimento, il pagamento delle 13° mensilità mai pagate in cumulo al proprio reddito di lavoro dipendente presso pubblica amministrazione dal momento di inizio del trattamento di quiescenza del 10/5/2007 in pendenza di impiego presso Università statale.
 Avverso il suddetto provvedimento il ricorrente ha proposto ricorso chiedendo la condanna al pagamento di quanto trattenuto indebitamente  oltre a interessi e rivalutazione monetaria
Si è costituito l’INPS chiedendo la cessazione della materia del contendere, avendo adempiuto al pagamento dell’indennità integrativa speciale sulla  pensione indiretta di reversibilità e 13° mensilità.
DIRITTO
Il giudice alla luce degli atti processuali avendo l’amministrazione accolto la richiesta  dichiara la cessazione della materia del contendere.
Spese compensate
P. Q. M.
la Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana, in funzione di giudice unico delle pensioni, sul ricorso della signora Di S. F. dichiara la cessazione della materia del contendere.
Spese compensate
Manda alla Segreteria della Sezione per gli adempimenti di competenza.
Così deciso in Palermo, nella camera di consiglio del  8 maggio 2017.
Depositata oggi in Segreteria nei modi di legge
Palermo, 04 settembre 2017
Pubblicata il 04 settembre 2017