Abilitazione scientifica nazionale e valutazione delle pubblicazioni: sulla dissonanza tra giudizi individuali e giudizio collettivo e sulla varietà tematica e consistenza in pagine della produzione scientifica


Con sentenza del 6 luglio 2020, n. 7720, il TAR Lazio, Roma, Sez. III-bis ha dichiarato illegittimo il giudizio di non idoneità al conseguimento dell’Abilitazione Scientifica Nazionale per la mancata corrispondenza tra i giudizi individuali resi dai singoli commissari e la valutazione complessiva del candidato contenuta nel giudizio collegiale. Inoltre, il Tribunale amministrativo ha riscontrato profili di illegittimità nel giudizio di non idoneità che inseriscono alla varietà tematica e alla consistenza in pagine della produzione scientifica: in particolare, il giudice amministrativo ha ritenuto che non è la varietà degli argomenti trattati a rilevare ai fini del giudizio sulla qualità delle pubblicazioni, bensì il rigore metodologico e l’originalità dei risultati ottenuti, e che un lavoro scientifico, se ben argomentato e condotto, può riportare contenuti di indubbio interesse anche laddove si caratterizzi per un numero non particolarmente rilevante di pagine.

Leggi il testo completo: TAR Lazio, Roma, Sez. III-bis, 6 luglio 2020, n. 7720