Abilitazione scientifica nazionale-Commissione esaminatrice-Criteri di valutazione


Con sentenza del 5 ottobre 2017, n. 10091, il TAR Lazio, Roma, Sez. III,  ha ribadito che, in tema di abilitazione scientifica nazionale, l’art. 5, del d.m. 7 giugno 2012, n. 76, prevede la facoltà, per la commissione esaminatrice, di prevedere criteri ulteriori che non sostituiscano quelli ivi fissati e che l’unico limite a tale facoltà, come ritenuto dalla Sezione in altre occasioni (per tutte, TAR Lazio, Roma, Sez. III, 1 giugno 2016, n. 6435), è stato ravvisato nell’esigenza di non “sterilizzare” l’applicabilità dei criteri e parametri generali indicati nel decreto citato, con ciò contemperando, da un lato, l’esigenza di uniformare il più possibile le modalità di valutazione degli organi collegiali e, dall’altro, rendere comunque più aderenti i giudizi alle specificità del settore concorsuale di riferimento.

 

Leggi il testo completo:TAR Lazio, Roma, Sez. III, 5 ottobre 2017, n. 10091