É illegittima l’esclusione alle prove selettive dei corsi di laurea a numero chiuso in caso di malfunzionamento informatico della piattaforma d’iscrizione


Con sentenza del 27 settembre 2021, n. 9925, il TAR Lazio, Sez. III, ha accolto il ricorso di un aspirante candidato alla prova di accesso ai corsi di laurea in medicina e chirurgia e/o odontoiatria e protesi dentaria per l’a.a. 2020/2021, che non aveva potuto svolgere le prove selettive in quanto il sistema che serviva il portale d’iscrizione Universitaly, a causa di un malfunzionamento informatico, non aveva acquisito l’elenco delle preferenze espresse per i corsi e la sede del test.

Il giudice amministrativo, infatti, riprendendo anche giurisprudenza pregressa (TAR, Lazio, Roma, Sez. III, 8 maggio 2018, n. 5126), ha affermato che, “in presenza di competizioni selettive e concorsuali che prevedono la presentazione della domanda con modalità telematiche, con le quali è di fatto imposto al candidato di riempire dei campi predeterminati  […] deve considerarsi iniqua ed illegittima un’esclusione, basata non su elementi sostanziali, quali la mancanza di requisiti di partecipazione o l’oggettiva tardività della domanda, ma solo su circostanze formali imposte dal Sistema informatico, non imputabili al richiedente”.  Infatti, “tale esclusione collide […] con i principi di imparzialità, trasparenza, semplificazione, partecipazione, uguaglianza e non discriminazione, nonché con i più generali principi di ragionevolezza, proporzionalità, favor partecipationis che improntano di sé l’azione amministrativa nella particolare materia concorsuale, anche se gestita in modalità telematica” (cfr. TAR Lazio, Roma, Sez. III bis, 18 febbraio 2011, n. 1546).

Leggi la sentenza: TAR Lazio, Roma, 27 settembre, 2021, n. 9925