Concorso per l’attribuzione di un assegno di ricerca : dottorato di ricerca e borsa di ricerca non sono esperienze equivalenti


Con la sentenza del 3 gennaio 2017, il TAR Friuli Venezia Giulia, Trieste, Sez. I, ha sancito l’irragionevolezza del giudizio della commissione esaminatrice di un concorso per l’attribuzione di un assegno di ricerca, nella parte in cui ha ritenuto equivalenti e riconducibili ad un omogeneo parametro di riferimento (nella specie, “esperienze di ricerca e di formazione post-lauream di durata non inferiore a tre anni”) il dottorato di ricerca e le borse di ricerca, atteso che il dottorato di ricerca, quale titolo accademico che rappresenta il terzo e più alto livello della formazione universitaria, conseguito all’esito di corsi accademici post lauream, di durata almeno triennale, ha l’obiettivo di far acquisire una corretta metodologia per la ricerca scientifica avanzata, con metodologie di studio innovative, impiegando nuove tecnologie e prevedendo, tra l’altro, anche stage all’estero e la frequenza di laboratori di ricerca, con la conseguenza di avere poco a che vedere con le borse di ricerca, che non presentano assolutamente detti elementi caratterizzanti.

Leggi il testo completo: TAR Friuli Venezia Giulia, Trieste, Sez. I, 3 gennaio 2017, n.1)